venerdì 26 maggio 2017

Gli abiti da sposa anni '70 di Fiò Couture per il 2018


La stilista Fiorella Dell'Acqua e due abiti da sposa corti 2018.



Continua il resoconto della settimana della moda sposa che ha vestito di bianco Milano per la presentazione delle collezioni di abiti da sposa 2018.

Oggi vi racconto gli abiti da sposa di ispirazione anni '70 di Fiò Couture. Per le spose che convoleranno a nozze nel 2018 le idee proposte dalla stilista Fiorella dell'Acqua sono eteree, colorate e fiorate.

Non mancano pizzi e trasparenze, ma gli abiti da sposa che mi hanno colpita di più sono quelli leggeri dove il colore ha trovato spazio nelle stampe floreali e nelle cinte, dove la leggerezza delle stoffe si è unita al volume per dare movimento all'abito ad ogni passo della sposa.

Non mancano i modelli più classici, gli intramontabili abiti da sposa svasati, dove il corpetto ha tutta l'attenzione grazie a pizzi pregiati e ricami e la gonna scivola leggera per arrivare a terra con mille balze impalpabili.

abito da sposa in pizzo di Fiò Couture. Collezione 2018.

Abito da sposa con corpetto romantico di Fiò Couture. Collezione 2018.
abito da sposa manica lunga di Fiò Couture. Collezione 2018.

Il richiamo agli abiti da sposa degli anni '70 lo riconosciamo dalle scollature profonde, le maniche lunghe a sbuffo e le gonne che cadono lisce alle caviglie. Ma altri dettagli richiamano il periodo d'oro dei "figli dei fiori", come le trasparenze, le stampe floreali e le stoffe leggere.

abito da sposa sexy in pizzo di Fiò Couture. Collezione 2018.

abito da sposa anni 70 di Fiò Couture. Collezione 2018.

abito da sposa stampa floreale di Fiò Couture. Collezione 2018.

abito da sposa stampa fiori rosa di Fiò Couture. Collezione 2018.

abito da sposa monospalla con cinta rossa di Fiò Couture. Collezione 2018.

Una collezione che trova l'ispirazione creativa nel colore, nel romanticismo e nei fiori.
Ci piace!
A presto,

Fra'

mercoledì 24 maggio 2017

Gli abiti da sposa 2018 di Elisabetta Polignano


Abito da sposa scultoreo. Elisabetta Polignano

La settimana della moda sposa di Milano si è appena conclusa, come sempre con un grande successo di pubblico e con la presentazione delle collezioni sposa per la prossima stagione.
Un lungo weekend di sfilate, eventi e passeggiate in fiera che ha visto tutti gli operatori del settore in fermento e ha trasformato Milano in una location perfetta per il matrimonio più elegante.

Quest'anno non sono andata a Milano, ma ho chiesto ai migliori stilisti di inviarmi i materiali per dare visibilità a questo evento che da sempre è il centro del mondo sposa.

Elisabetta Polignano è una delle mie stiliste preferite, il suo stile inconfondibile da sempre mette insieme abilità e tradizione sartoriale con dettagli creativi e artistici, realizzando abiti da sposa da alta moda.

abito da sposa 2018 Elisabetta Polignano

Dettagli scultorei per l'abito da sposa 2018 di Elisabetta Polignano

Taglio giacca ma rigorosamente in pizzo per l'abito da sposa 2018 di Elisabetta Polignano.

Uno dei miei preferiti. Manica a sbuffo e taglio particolare per questo abito da sposa 2018 di Elisabetta Polignano.


abito da sposa con manica lunga di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.



Corpetto romantico e tasche per l'abito da sposa di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.


un dettaglio del meraviglioso velo da sposa di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.

abito da sposa scivolato con corpetto molto originale di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.

dettaglio di un corpetto da sposa.

Intramontabile romanticismo.

un dettaglio scultoreo sul corpetto dell'abito da sposa di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.



Stampe e colori in primo piano, i toni più delicati del rosa, verde e glicine si accomodano sulle stoffe più pregiate per regalare un abito da sposa davvero spettacolare. Grandi volumi, fiocchi, maniche a sbuffo e intrecci vestono una sposa decisa e creativa e nello stesso tempo molto romantica.

abito da sposa con stampa indaco di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.

abito da sposa con dettagli in verde di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.

un dettaglio dell'abito da sposa verde di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.

volumi, eleganza e colore in questo abito da sposa verde di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.

grandi volumi e stampe su questo abito da sposa verde di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.


un dettaglio dell'abito da sposa fiorato con inserti in rosa di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.

il dettaglio del ricamo di un corpetto fiorato. abito da sposa di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.

abito da sposa romantico con stampa floreale di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.

il dettaglio della stampa floreale dove si percepisce la trama leggera della stoffa di questo abito da sposa di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.

cinta rosa cipria ed estremo romanticismo per questo abito da sposa floreale di Elisabetta Polignano. Collezione 2018.


Eccola qui dunque, una parte della collezione di abiti da sposa 2018 di Elisabetta Polignano, presentata venerdì 19 maggio 2017 alle ore 11.00 nella cornice di Sì Sposa Italia Collezioni. Ho scelto gli abiti che più sono in linea con il mio blog e con il mio gusto ma vi assicuro che tutta la collezione merita un grandissimo applauso.

A presto,
Fra'

martedì 9 maggio 2017

Gli abiti da sposa in stile vintage di Nadia Manzato


Abito da sposa in organza a pois e manica lunga.

Ci siamo quasi, la settimana della moda sposa è alle porte e già le grandi firme spagnole hanno presentato le collezioni per la prossima stagione a Barcellona.

Io sono qui a guardare, aspetto di trovare un abito da sposa che mi faccia venire le farfalle allo stomaco e nel frattempo mi godo gli abiti da sposa di Nadia Manzato, che come ogni anno non ne sbaglia una.

Gli abiti da sposa 2017 firmati Nadia Manzato sono un elogio alla leggerezza, dove trasparenze e abiti da sposa dalla spiccata personalità trovano sempre spazio.

Il pizzo ricamato, le organze a pois e la georgette di seta sono le stoffe che dominano tutta la collezione e personalmente trovo irresistibili. L'ispirazione della collezione richiama gli anni '50 e '60 e come potevo non darle spazio?

abito da sposa corto a pois.

Il dettaglio che mi ha colpito in alcuni modelli è il contrasto tra uno scollo austero e le trasparenze con un grande fiocco a chiudere e personalizzare l'abito. Mi piace molto, ma se piace tanto anche a voi attenzione alla scelta dell'acconciatura e degli orecchini. Prendete spunto dallo shooting e valutate anche la giusta acconciatura sposa per questo abito.

abito da sposa pizzo.

abito da sposa corto.

Come sempre ho scelto i modelli che piacciono di più al mio occhio, ma tutti gli abiti da sposa di Nadia Manzato meritano un grande applauso, perché celebrano la bellezza e vestono una sposa romantica ma contemporanea, una donna che sa esattamente cosa desidera per il suo giorno, con eleganza e stile personale.

a presto,
Fra'


martedì 2 maggio 2017

[Promo] Dolcezze di nozze: dal candy bar al carretto del gelato


Fonte Immagine: Champagneandpizza

La stagione dei matrimoni all'aperto sta per iniziare e mi sembra di sentire i discorsi tra gli sposi e il catering per l'organizzazione di angoli mangerecci originali per stupire gli ospiti. In effetti di idee originali ce ne sono davvero tante, il problema è la resa finale, che spesso per motivi di budget e poca creatività si risolvono in modo poco convincente.

Volendo elencarne qualcuno, si potrebbero proporre il:

  • Candy Bar, dove caramelle, confetti, lecca lecca e cioccolatini devono essere non solo buoni, ma belli e tantissimi. Sacchetti personalizzati in carta da alimenti o plastica trasparente, devono essere accompagnati da cucchiai e adesivi utili a chiudere le confezioni, perchè lo sappiamo bene che spesso gli ospiti pensano al futuro e oltre a sgranocchiare M&M's, biscottini e ingolfarsi di gommose, vogliono anche portarsi a casa un copioso bottino goloso. 
    Fonte: Bitememore
  • Carretto dei gelati, che nell'immaginario della sposa è spesso una struttura mobile vintage, dai colori pastello che richiamano i gusti di crema, cioccolato e pistacchio, ma spesso si risolve in uno stand bianco con tre gusti che sgocciolano da coppette anonime. MAI! Fatelo per me! Pretendete la personalizzazione e la bellezza, ve la meritate sempre, a maggior ragione il giorno delle vostre nozze. Tre gusti sono pochi, ci vuole un assortimento di gusti in crema e di frutta, ben refrigerati e disposti in coppette personalizzate o coni di cialda. Indispensabili sono i toppings per rendere i gelati belli oltre che buoni: granelle di mandorla o nocciola, pistacchi o zucchero, confetti per matrimonio come quelli realizzati da MyM&M's o codette di cioccolata colorate e caramelle gommose.
    Fonte: The Mamanista
  • Tavolo dei waffle, consigliato soprattutto per i più golosi. Il più bello è quello con waffle di gusti diversi (cioccolato, vaniglia, pistacchio) e con salse di accompagnamento da far leccare i baffi anche a chi non è goloso come miele, marmellate, crema pasticcera o crema chantilly e chi più ne ha, più ne metta.
  • Angolo della frutta candita, dove zenzero, scorza di arancia, cocco, banane e le ciliege colorano di gusto un buffet di nozze.
Ne ho elencati solo quattro, i miei preferiti, ma ci sono anche l'angolo dei Donuts, dei Cupcakes, della petit patisserie e tanti altri. Tutti hanno un unico limite, sono presi d'assalto come se non ci fosse un domani. :-)

Per rendere questi tavoli davvero unici e indimenticabili c'è solo una cosa da fare: personalizzare, ve lo avevo già detto?!

Del resto la scelta di dolci o prodotti alimentari personalizzati non riguarda solo il buffet ma anche i segnaposto e le bomboniere. Infatti i dolci, come le caramelle, lecca-lecca, confetti di cioccolato o prodotti a Km0 trovano sempre più spazio come idee regalo per il matrimonio

M&M's personalizzate
Chi meglio di me può dimostrarlo? Il mio matrimonio è stato a tema dolci dove il vero protagonista era il candy bar che fungeva anche da tableau e per bomboniere formine per biscotti. Se non lo avete visto andate a dare un'occhiata qui!

A presto,
Fra'



mercoledì 27 luglio 2016

La sposa e il militare del 1942

Sposi vintage, Italia 1942.
Frequentare mercatini dell'usato alimenta la mia curiosità sulla vita delle spose di altri tempi. Ogni volta che ne trovo una da una parte sono felice di poter immaginare la loro vita, le loro scelte e il loro giorno, dall'altra mi assale una sensazione di malinconia e solitudine, per aver trovato una foto tanto desiderata e importante in un mercatino dove finiscono le cose che per qualcuno non hanno più valore.

 In genere, le foto delle spose che non hanno più valore per gli altri, sono il mio bottino. Lei è una sposa senza nome, se riuscite a decifrare il messaggio sul retro della foto ditemelo, vi prego, io non ci sono riuscita. Nel tentativo di decifrare la scrittura da medico leggo "Al nostro carissimo Franco, ottimo fotografo. Molto affettuosamente ... Roma, 9.3.42".

Il retro della cartolina di nozze degli sposi del 1942.

Perfetto, mi basta. Siamo nel 1942 e la divisa dello sposo non preannuncia niente di buono. Non la voglio guardare, anche se è perfettamente stirata e tirata a lucido. Voglio guardare solo il sorriso emozionato di lei, gli occhi pronti ad iniziare una nuova vita. Chissà come sarà andata poi...

Cosa ci resta? Un abito da sposa bianco perfettamente in linea con la moda dell'epoca. Poco sfarzo, manifattura sartoriale, gonna scivolata lunga alle caviglie e strascico importante. L'acconciatura sposa come il resto, rispecchia lo stile di quegli anni: fronte scoperta e boccoli morbidi a contornare il volto, un'applicazione di nebbiolina valorizza il pettinino che lascia cadere sulla spalle un lunghissimo velo da sposa in tulle.

Guardando la stanza direi che questi sposi non se la passavano male: tappeti, specchi e mobili pregiati, cristalli e fiori a non finire. Un matrimonio della Roma-bene degli anni '40? Oppure chissà, la signora ricca dove lavorava la mamma della sposa ha ceduto la casa per fare una bella foto il giorno delle nozze? Dettagli che possiamo solo immaginare, come il futuro di questi sposi.

Ma, fantasie a parte, cosa possiamo prendere da questi sposi per un matrimonio di oggi? Molte cose mi piacciono e alcune ve l'ho già dette: abito da sposa e acconciatura, per esempio, magari con un'applicazione meno "spumeggiante". Ma un dettaglio che non dovrebbe sfuggire è il bouquet da sposa velato. Oggi non se ne vedono più così, ed è un peccato. Il bouquet da sposa protetto da un velo di tulle e chiuso sui gambi con un nastro di raso.

Penserete che i fiori non vengono valorizzati! In realtà è un modo molto elegante per richiamare uno stile anni '40 con un dettaglio originale che in pochi osano. Facile fare la sposa anni '40 vestita da pin-up (che adoro, per inciso), ma noi, qui in Italia di pin-up ne abbiamo vissute poche, le nostre nonne così si sposavano e sarebbe bello celebrare anche loro quando sposiamo uno stile vintage.

Sposina senza nome, trovata al mercatino, ora non sei più nelle scatole dei robivecchi, adesso sei entrata di diritto tra i veri matrimoni vintage di Pazza Idea. Non sarà molto ma è qualcosa!
 A presto,
Fra'

martedì 5 luglio 2016

Pranzo di famiglia. Il mio country party


Il mio compleanno. 36 anni in famiglia con un meraviglioso cappello di paglia.


Per festeggiare le mie 36 primavere, quest'anno ho deciso di organizzare e allestire un country party con la mia famiglia. Pochi selezionatissimi invitati per un pranzo all'ombra di una noce. Corredo e stoviglie di famiglia, spezie e aromi del giardino per profumare la tavola, spazio relax a tema musica e capanna photoboot.

panoramica.

In fase di allestimento. Cinque travi di legno rimediate nel baraccone, lenzuoli country dal baule di nonna, spago, ago e filo. Il photoboot della mia festa è pronto.

giovedì 30 giugno 2016

36 anni in modalità Bette Davis



Oggi è il mio compleanno, quindi mi concedo un piccolo off topic, ma nemmeno troppo.
In genere il mio compleanno lo vivo come un evento da Oscar, con tanto di festeggiamenti che si prolungano nelle settimane e cene a tema con gli amici.

Quest'anno il mood è un po' diverso, sarà l'età che avanza o semplicemente una giornata che nel tempo è cambiata con me.
Oggi, mi piacerebbe festeggiare con mia Nonna Tomassa, che non si faceva mai mancare una bella bottiglia di Martini nel frigorifero. Non che se la scolasse, figuriamoci! Credo che una bottiglia ogni due anni fosse il suo standard di cicchetti... insieme a me ovviamente.





Noi ci regalavamo momenti di sano divismo, il nostro Martini secco ghiacciato e un bel film della vecchia Hollywood. Ecco, oggi vorrei sentire il profumo dei suoi capelli puliti e il sapore di quel Martini ghiacciato, buttata sul suo lettone a sventolarci con i suoi ventagli, in attesa dell'inizio del film.




Così, per festeggiare il mio compleanno e per ricordarla come si deve, oggi parliamo di Bette Davis. "Quando ero giovane, mi dicevano che somigliavo a Bette Davis" e si sistemava i capelli. Aveva ragione, non che le somigliasse in modo particolare, ma lo sguardo, quel modo di guardare tutti dall'alto in basso, spocchiosa e a tratti antipatica. Quando ero piccola mi infastidiva, lo trovavo un atteggiamento fastidioso, oggi cerco in ogni modo di imitarla per essere come lei.


Quindi oggi, brindo a me con un Martini, vestita e soprattutto pettinata come Bette Davis.
alla prossima,
Fra'